Possibile #EllySchlein | "Parlamento Europeo"


#21

E’ vero che il gruppo è quello dei Socialisti Democratici ma Elly Schlein fa parte della delegazione italiana di quel gruppo che è composto soltanto dai deputati PD.


#22

I Verdi in Europa sono con la GUE/Sinistra Verde Nordica


#23

Ma perché scrivete stupidaggini senza nemmeno fare lo sforzo non dico di studiare ma almeno di cercare su Google? I Verdi in Europa hanno un gruppo loro, i Verdi Europei Alleanza Libera Europea. Che è un’altra cosa e non c’entra nulla col GUE.


#24

Possibie è, fin dalla sua fondazione, un partito di Sinistra. Magari la scelta di Pippo ddi aprire a tutti questo forum non è stata la più azzeccata…


#25

Ci sono due Gruppi che hanno dei Verdi al loro interno e sono: GUE (Gruppo Confederale della Sinistra Unitaria Europea) /Sinistra Verde Nordica con 52 deputati e il Gruppo Verde/ Alleanza libera europea con 51 deputati. Per completare l’informazione. Inoltre vorrei dire a Paolo Cosseddu che molte sue risposta sono impregnate di aggressività e disprezzo per le domande o le affermazioni di chi commenta. A me non pare sia questo il modo di discutere fra noi. Noi forse dovremo informarci meglio ma lui dovrebbe fare un corso di pacatezza. Non vorrei che POSSIBILE fosse una fotocopia di M5stelle dove qualcuno impera e gli altri seguono pedissequamente. Ora attendo gli strali di Paolo Cosseddu.


#26

Niente strali, anzi, mi fa piacere che tu abbia ammesso che i Verdi hanno un loro gruppo. Mi impegno a pacarmi se in cambio altri si impegnano a porre le questioni in modo altrettanto urtante.


#27

Credo di essere stata chiara i Verdi sono in entrambi i Gruppi che ho citato. Quindi mi fa piacere che tu abbia letto e non ammesso che i Verdi sono anche in un altro Gruppo.


#28

Se è per questo nel Gue ci sono anche i no euro, come ho scritto venti commenti fa, mentre nel gruppo dei Verdi europei no. Anche se continuate a ignorare l’argomento.


#29

Credo che Possibile non debba assolutamente entrare nella GUE, in quanto questo gruppo politico, spesso, tende ad auto-escludersi dal dibattito adottato posizioni sulle quali non è poi disposta ad aprire una discussione.
Aggiungo inoltre, come già detto, che le sue posizioni europeiste sono piuttosto altalenanti.
Credo che Elly debba rimanere nell’S&D, in quanto questo gruppo le ha permesso di avere opportunità e visibilità che la GUE non potrebbe fornirle.
Credo inoltre che un lavoro dall’interno, in questo caso, possa essere più efficace di una posizione radicale esterna; soprattutto perché Elly non ha vincolo di voto e più di qualche volta ha votato in contrasto con la linea del gruppo.
Alle prossime europee credo sia giusto porsi il quesito se restare nel Socialisti e Democratici o, eventualmente, entrare nei Verdi… ma spero proprio che non si sceglierà per la GUE!!


#30

Comunque che Elly Schlein sia nell’S&D quando invece a livello nazionale per le Amministrative si sostenne a spada tratta che non bisognava allearsi con il PD risulta incoerente mentre io penso che quelle Amministrative erano la prima occasione a livello locale per rendere visibile POSSIBILE e farne conoscere il progetto politico. Sono d’accordo che nell’S&D la Schlein non solo ha maggiore visibilità ma anche una logistica che fuori dal Gruppo non avrebbe. Inoltre è normale che spesso a livello europeo gli appartenenti ai vari Gruppi politici provenienti da paesi diversi con sensibilità ed esigenze diverse e con specificità diverse si esprimano nel voto diversamente dal Gruppo di appartenenza. Tuttavia per le prossime elezioni europee se si vuole esserci occorrerà forse prevedere alleanze ma convengo che per ora ci si debba concentrare sulla politica nazionale la cui configurazione futura influenzerà non poco la politica italiana a livello europeo.


#31

Fermo restando che l’S&D non esprime posizioni che sono “quelle del PD”, ma anzi è un gruppo molto variegato (come tutti gli altri) non ci vedo nulla di contraddittorio nel permanere; soprattutto non finché Possibile non chiarirá o non intenderá entrare in una famiglia Europea. Al momento i Verdi Europei sono gli unici che Ciw cita esplicitamente. (Anche se mi sembra abbia alcune idee, specie in termini di Europa, che corrispondono a quelle della “frangia sinistra” dell’Alde).


#32

Chi sono i rappresentanti della sinistra dell’ALDE?


#33

Per sinistra dell’Alde intendo soprattutto gli eletti dei partiti dell’area balcanica che, tradizionalmente, concepiscono le politiche progressiste come strettamente legate alla cultura liberale (Per quanto riguarda gli eletti, nel 2014, c’è soltanto Ivan Jakovcic che è anche un ambientalista/regionalista istriano, ma in Croazia e Slovenia soprattutto, ci sono molti centri di isprazione progressista liberale, non-laburista); influenti per quanto riguarda il consenso elettorale sono, invece, i RadikaleB di Danimarca e i D66 di Olanda (rispettivamente rappresentati da Morten Peterson per i danesi e da Gerbrandy, Int’Veld, Schaake e Van Miltenburg per gli Olandesi); da considerare anche i parlamentari del partito bulgaro per i diritti e le libertà, forse ancora più a sx. Discorso a parte per i vari partiti di area Belga-Lussemburgo-Olanda (capitanati dal super-europeista Guy Verhofstadt) che pur mantenendo posizioni ultra-progressiste per quanto riguarda diritti e libertà individuali, sono spiccatamente liberisti in economia (pannelliani potremmo dire noi (; ).


#34

Ti ringrazio delle informazioni. La Int’Veld l’ho vista all’opera nella precedente legislatura e certamente mi convince. Tuttavia per quanto ne so io l’ALDE non esprime certo, proprio per essere liberista in economia, posizioni di sinistra che a me premono soprattutto e inoltre spessissimo vota con il PPE. Comunque si tratta di vedere cosa succederà alle prossime elezioni europee e come cambierà il panorama politico a seguito di tali elezioni. Grazie ancora dell’opportunità dello scambio di opinioni e informazioni


#35

Segnalo questa notizia sull’Accordo UE-Libia sui migranti, perché dà un’idea concreta degli schieramenti politici in seno al Parlamento Europeo.


#36

Faccio una provocazione: L’attenzione ad una “Europa dei Popoli e delle Culture”, insieme al reiterato gradimento verso i Verdi Europei, non potrebbe essere un riferimento proprio alla componente dell’Alleanza Libera Europea? Non a caso una delle due che formano il gruppo europeo Verdi-Alleanza Libera?

Io la troverei una collocazione intelligente. Schierata, non compromessa nè con la Gue, ne con gli S&D, ma al contempo dialogante.

Cosa ne pensate?


#37

Io continuo a pensare che una collocazione con l’ALDE non sia l’ideale. Ma è tutto da vedere dopo le elezioni Europee.


#38

Io infatti facevo riferimento, nel messaggio precedente al suo, alla componente minore del gruppo dei Verdi Europei


#39

Non è così i verdi europei hanno un loro gruppo … I GUE/Sinistra Verde Nordica sono i fuoriusciti dei verdi più vicini alla sinistra.


#40

Assolutamente in disaccordo avanti con la sinistra GUE/NGL